Ieri il premier è stato duramente contestato, come mai era accaduto prima.
Conscio di essere ormai al capolinea, il Primo Ministro non ha trovato niente di meglio se non rispolverare i soliti slogan berlusconiani: “aboliremo l’IMU, aboliremo la TASI, ed altre fregnacce simili”.
Gli italiani hanno ormai compreso che, quando Renzi dice che abolirà una tassa, è perchè ha deciso semplicemente di cambiarle il nome.
Il problema è che il centro_dx, il M5s, non sono ancora pronti alle elezioni, non avendo, specie il primo, saputo lasciarsi alle spalle gli scandali del passato e le divisioni interne ed il suo vecchio leader, fatica a farsi da parte.
Occorre agire, trovare nuovi leader, giovani e fuori ad oggi dall’agone politico, magari andando a cercare talenti in qualche oratorio_consiglio comunale di paese, ove possono esistere talenti inespressi.

Ad ogni qual modo. Renzi ha , fra le righe, ammesso la propria difficoltà, ammettendo:

Preferiamo salvare migranti anche se perdiamo voti”.

TRADUZIONE
“Preferiamo privilegiare le lobby che ci sostengono e che ci finanziano, anziché provare a risolvere la più grave crisi economica che l’Italia abbia mai avuto. Prima le onlus che gestiscono i clandestini, dopo gli italiani”.

vittorio belluso

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email