Parisi è già da ora virtualmente il nuovo sindaco di Milano

Quello che è valso appena ieri per Giorgio Pozzi, a vantaggio di Paola Maria Camillo, deve valere oggi per Giuseppe Sala.
Spieghiamo meglio: alla luce dei fatti emersi oggi, è appurato che il candidato sindaco renziano di Milano, Sala, non si è dimesso dalla carica di commissario di Expo 2015 e quindi non è candidabile né eleggibile come sindaco di Milano.rinaldin pozzi
Esattamente come successe qualche anno fa, in cui Paola Maria Camillo vinse il ricorso contro Giorgio Pozzi, facendolo infine dimettere e sostituendolo al Pirellone nelle fila del Popolo della Libertà, perchè risultò che il consigliere regionale Pozzi, che ricopriva la carica già da un paio d’anni, non si era dimesso in tempo dal consiglio di amministrazione di una società partecipata di cui faceva parte.

Secondo il settimanale Panorama, le dimissioni di Sala non sono mai state protocollate e il candidato del centrosinistra risulta essersi dimesso solo virtualmente da amministratore delegato della società Expo, atto annunciato il 18 dicembre 2015 e ratificato due mesi dopo, a campagna elettorale già in corso.

Esattamente come successe a Giorgio Pozzi.

Alla luce di questo fatto si può affermare, senza timore di essere smentiti a meno di adozione di pesi e misure diverse da quelle a suo tempo adottate nei confronti del centro desta, che Parisi è già da ora il nuovo sindaco di Milano.

vittorio belluso
sala 2

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email