Le restrizioni ancora in vigore da parte del governo – quanto meno nella nostra provincia – appaiono anacronistiche e deleterie.

E’ trascorso infatti un periodo di almeno 2 mesi, durante il quale non abbiamo più avuto notizie di nuovi contagi in zona.
Così come ci siamo beccati dei catastrofisti all’insorgere della pandemia, laddove il grosso del gregge tendeva a dar credito alle notizie rassicuranti che arrivavano da esponenti del governo, … alla sessa maniera, oggi, siamo a dirvi che il pericolo appare davvero superato.
E questo perchè probabilmente si è creata una immunità di gregge, ed il virus ha perso buona parte della sua forza.
Almeno qui, in provincia di Como, ove da riscontrare vi sono solo nuove forme diarroiche, come altre volte è accaduto, a strascico di una influenza importante.
Ma si tratta di forme innocue per la nostra salute, solo fastidiose.
Sorge quindi il dubbio legittimo che le ultime decisioni del governo centrale, più che al fine di tutelare la nostra salute, siano stai volti a conservare il potere e con esso la poltrona.

A settembre, allorquando si tireranno le somme dei danni provocati alla nostra economia, con tutto il settore turistico in ginocchio e centinaia di migliaia di cancellazioni di prenotazioni, sarà ancora più chiara la entità del disastro che è accaduto in Italia, laddove una pestilenza è coincisa col peggior governo di sempre.

vittorio belluso

Mi Piace(8)Non Mi Piace(7)
Print Friendly, PDF & Email