Pubblichiamo quanto il sindaco di Pusiano – Andrea Maspero – ha riportato oggi, dopo aver partecipato ad una riunione straordinaria indetta dall’ATS di Varese, a cui hanno partecipato i sindaci di Como e Varese.
Sono state date delle direttive e dei consigli da diramare alla popolazione.
E’ stato fatto il punto sulla situazione Coronavirus in modo che i primi cittadini sappiano cosa fare in questa situazione di emergenza.

 

Riunione presso l’ Ats Insubria di Varese dei Sindaci di Como e Varese per ricevere aggiornamenti in merito all’evoluzione del virus. Rispetto all’ordinanza (che deve ancora essere emanata, e ci è stata solo anticipata) è stato chiarito che i mercati sono sospesi.
Nei luoghi di aggregazione che devono restare chiusi sono comprese le biblioteche.

Care concittadine e concittadini,
Alcune considerazioni sul Coronavisrus: in queste ore siamo in attesa di conoscere gli sviluppi della situazione e di recepire istruzioni più precise riguardanti i nostri paesi. In qualità di autorità sanitaria locale ho ritenuto utile avere un confronto costante con personale medico competente per fare il punto della situazione e condividerlo con voi.
Oggi la situazione è sotto controllo e il personale sanitario sta facendo un lavoro egregio pertanto non servono inutili allarmismi. Tuttavia evitiamo di diffondere messaggi fuorvianti paragonando il COVID-19 alle comuni influenze (paragone insensato) ed evitiamo di sminuire il lavoro che stanno facendo medici e autorità tramite la diffusione di articoli qualunque che (decontestualizzando comunicati medici) riportano dati sulle guarigioni: la mortalità fortunatamente parrebbe bassa ma NON E’ QUESTO IL PUNTO. Ad oggi, data l’alta infettività del virus (che si diffonde per via aerea e resiste sulle superfici secche) e data la mancanza di un vaccino, l’obiettivo è quello di limitare quanto più è possibile il numero dei contagi, quindi, NO ALLARMISMO E PANICO ma semplici regole da seguire, il comportamento di ogni singolo individuo è determinante:
– Evitare luoghi chiusi ed affollati, assemblee, feste e non mandare i figli in discoteca
– Lavarsi le mani MOLTO SPESSO e non toccarsi occhi, viso e bocca.
– Indossare le mascherine se siamo a contatto con persone a rischio o immunodepresse
– Evitare spostamenti inutili presso altre località
In caso di sintomi e reale necessità NON ANDARE AL PRONTO SOCCORSO E NON USCIRE MA CHIAMARE IL NUMERO DI EMERGENZA 112 e 1500 . per info chiamare 800894545 MAI i numeri di emergenza.
Questo messaggio è stato scritto e vagliato insieme a personale medico competente. Evitiamo di improvvisare e di sostituirci ai medici diffondendo messaggi inutili, dobbiamo fare uno sforzo di responsabilità collettiva seguendo queste semplici regole fino a quando non avremo altre indicazioni. Non si chiama terrorismo psicologico ma PREVENZIONE.

Mi Piace(4)Non Mi Piace(2)
Print Friendly, PDF & Email