L’altro ieri sono arrivate le direttive in base all’accordo fra Federfarma e il Governo, per poter ottenere il ristorno delle mascherine chirurgiche in giacenza, comprate a € 1,20 e vendibili da ora a € 0, 61 (50 cent + iva 22%, che non è stata tolta). 4 pagine fitte fitte di cavilli, scritti apposta per scoraggiare quei farmacisti che decidessero di provare ad ottenere il risarcimento. Di più: serve anche la firma del commercialista che conferma, a garanzia del prezzo pagato. Sapete a che conclusione sono arrivato? Che se le venda Arcuri, le sue mascherine cinesi! Le paghi lui e se le venda lui! Io ci rinuncio volentieri, visto che il grossista continua a cederle ad un prezzo di gran lunga superiore a quello a cui dovremmo poi venderle.

vittorio belluso

Mi Piace(7)Non Mi Piace(1)
Print Friendly, PDF & Email