Questa non è la mia chiesa

Si, lo ammetto, papa Francesco non lo reggo più.

Da quando c’è lui il mio distacco dalla religione cattolica è stato inesorabile. Oltre la mia volontà.
Mi chiedo perchè.
Forse perchè non l’ho considerato, fin dall’inizio, un papa legittimo, visto che ritengo la sua elezione il frutto di una truffa in danno dei fedeli del mondo, un colpo di stato tecnicamente perfetto perchè risultato incruento.
A mio avviso, questo papa, è deleterio per la chiesa ed a gioco lungo riuscirà a distruggere 2000 anni di percorso.

Chi l’ha innalzato al soglio, evidentemente, ha ritenuto che il papa precedente non fosse congruo col rapido mutare in senso decadente degli usi e dei costumi del mondo occidentale e con la pressione che il mondo musulmano sta compiendo sulle minoranze cattoliche laddove la religione cristiana è stata radicata.
Ci voleva un papa ‘distensivo’ e ‘comprensivo’, che strizzasse l’occhio ai musulmani da una parte, agli omosessuali dall’altra, che prendesse atto che l’istituzione del matrimonio nel mondo occidentale è in crisi irreversibile, e che quindi si dovesse effettuare un’apertura anche a quelle persone reduci da un divorzio, permettendo loro la partecipazione alla messa con pari diritti rispetto a chi divorziato non è.
Stesso discorso per le cosiddette coppie di fatto, ormai la netta maggioranza delle unioni.
E lo stesso per quanto concerne il dare i sacramenti ai nati da una unione di fatto.
Tutto questo, papa Ratzinger, non l’avrebbe mai permesso.
Viceversa, Bergoglio, si.

Solo questi dati di fatto rappresentano un buon motivo per prendere le distanze da questo papa, perchè è fasullo, ipocrita, falso profeta.

Pensiamo all’atteggiamento che Questi ha nei confronti dell’immigrazione insostenibile a cui il nostro Paese sta sottostando negli ultimi anni.
Ancora l’altro giorno,  ha dichiarato che chi non accoglie clandestini non è un buon cristiano.
(Quindi non andrà in paradiso… siamo sempre alla vendita delle indulgenze, sia pure sotto altra forma).
Bene!
Lo prendo in parola.
Non sono un buon cristiano, ed evito di andare a messa.
Ho revocato il mio 8×1000 alla chiesa cattolica e spero che molti altri seguano il mio esempio.
Non sopporto la ‘spremitura’, ovverosia l’ingordigia di soldi, che la chiesa ci propina ogni qualvolta abbiamo bisogno di lei.
Non sopporto che mi si chiedano soldi durante i funerali.
Non lo sopporto!
Forse che la famiglia del morto non ha dato l’offerta per l’omelia?
Ogni famiglia dà.
Dà per quel che può.
Che bisogno c’è di chiedere altri soldi?
E poi … per fare che?
Per comprare l’attico a Bertone?

No, no, la chiesa di Bergoglio non è la mia chiesa.

Una chiesa che va a braccetto coi terroristi tentando di comprenderli e sempre perdonarli non è la mia chiesa.
Una chiesa che tenta di instillarmi sensi di colpa perchè difendo il mio mondo e tento di costruire un futuro ai miei figli e la mia cultura bollandomi di razzismo, non è la mia chiesa.
Una chiesa sempre pronta a far valere il suo peso politico influenzando le elezioni a tutti i livelli … non è la mia chiesa.
Una chiesa che copre e protegge i preti pedofili e omosessuali non è la mia chiesa.
Una chiesa che volta lo sguardo dall’altra parte di fronte alle stragi ijhidaiste, fermandosi sempre alle solite frasi di rito ma senza mai entrare nel nocciolo del problema del multiculturalismo forzoso che essa stessa ha incentivato, non è la mia chiesa.

E fa niente se questo mio scritto sarà il mio epitaffio politico.

Ciò che ho scritto avevo il dovere morale di scriverlo in nome di coloro che mi onorano della loro lettura, e che non ringrazio mai abbastanza.

Buona domenica a tutti.

vittorio belluso

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email