Un’amara ironia, soprattutto rivolta verso lo Stato che non c’è

di Paola Maria Camillopaola maria camillo

Chiedo perdono:
Ai clandestini,
perchè la chiesa, mentre predica bene, razzola male;
perchè la chiesa, mentre biasima chi chiude le porte ai clandestini, non apre le proprie porte. Non mi pare abbia accolto un solo clandestino in Vaticano e non mi pare abbia messo a disposizione conventi e chiese….
Chiedo perdono ai clandestini se gli italiani subiscono passivamente la loro invasione e anche delle loro malattie e del disordine sociale, mentre dovrebbero ribellarsi a uno Stato che non c’è e a chi, anzichè tutelare il popolo italiano, lo sta ammazzando e affamando per tutelare il tornaconto di pochi farabutti che guadagnano sul “commercio” di carne umana.
“Grazie” papa per aver compreso (ma forse no…..) cos’è la carità cristiana….ovviamente quella di cui si parla al bar.
Quando vedrò conventi e chiese occupate dai clandestini, ovviamente musulmani, rivedrò il mio stato d’animo attuale.

 

krancic

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email