E ci risiamo: Come 3 anni fa a Cavallasca: l’acqua è in alcuni punti risultata contaminata 

Oggi il quotidiano La Provincia ha pubblicato il duro botta e risposta fra il sindaco Mascetti e il capogruppo dell’unica minoranza Tiso, in merito alla riscontrata cattiva qualità dell’acqua dell’acquedotto comunale in alcuni punti di San Fermo, Cavallasca compresa.

Ricordo ai lettori che a suo tempo, quando ero consigliere comunale, combattei un’aspra  battaglia nel merito della potabilità dell’acqua a Cavallasca.
L’acqua è la stessa di San Fermo.
L’acquedotto va rifatto in molti punti.
Ma ciò non porta voti perchè è sottoterra, dove l’occhio del passante non vede e, come se non bastasse, costa molti soldi il rifarlo.
Quindi lo si lascia marcire.
E’ un problema italiano.
Non di sola San Fermo della Battaglia.

E che dire del referendum sulla privatizzazione della distribuzione dell’acqua potabile?
A suo tempo vi fu una mobilitazione di massa che coinvolse persino la chiesa cattolica, che prese parte attiva per far fallire la proposta di legge con lo slogan :”l’acqua pubblica è di tutti. Acqua sorgente di vita!

Peccato però che, secondo noi, quella della privatizzazione della gestione degli acquedotti era e resta l’unica soluzione perchè qualcuno ci metta mano e faccia la necessaria manutenzione.
L’unica soluzione per non doverci bere acqua clorata o con infiltrazioni batteriche, spesso nel silenzio omertoso delle istituzioni locali, che temono una caduta di immagine e quindi di voti.

Purtroppo, la colpa di tutto ciò, non è solo di questa o di quella amministrazione, ma della nostra superficialità di cittadini: ci facciamo incantare dai passaggi pedonali che si illuminano, dalle rotatorie colorate, dai dossi rallenta traffico (fuori norma) ogni 300 metri …e non ci rendiamo conto che queste non sono le reali priorità di una comunità.
Quanti hanno la competenza per comprendere la bontà dell’informazione che ci viene data o non ci viene data?


3 anni fa il sottoscritto passò per quello che si inventava le cose e vennero riportate notizie assolutamente inesatte sul sito istituzionale del Comune di Cavallasca.

Scrive oggi un residente a San Fermo di cui non sveleremo il nome:Onestamente l’acqua del sindaco non è buona, si può bere ma la mattina ha spesso un odore insopportabile.
È fortissimo il sentore di cloro, al punto da costringerci a bere l’acqua delle bottiglie, batteriologicamente forse più sane all’imbottigliamento ma poi l’involucro è un derivato del petrolio e genera tossicità elevate…
Cosa si può fare x avere un’acqua bevibile??”

La mia risposta?

“sostituire tutte le tubature metalliche e non, vecchie, fessurate o che hanno prodotto all’interno del proprio lume quel film peloso tipico delle tubature vecchie che diviene terreno di cultura ideale per i ferrobatteri.”

vittorio belluso

A seguire, l’articolo apparso oggi sul sito di San Fermo Democratica in risposta all’articolo de La Provincia, e del quale diamo volentieri più ampio retaggio

ANCORA UNA VOLTA SIAMO COSTRETTI A PARLARE DIQUALITA’ DELL’ACQUA PUBBLICA

Il quotidiano La provincia ha riportato il 23 Giugno, quasi integralmente, un nostro comunicato del 20 Giugno, del quale di seguito riprendiamo la parte essenziale:

Le analisi di potabilità sulla rete, compito del comune, venivano eseguite fino all’anno scorso circa ogni tre mesi. Dal Novembre 2016 al Maggio 2017, per circa sei mesi quindi, non risulta però essere stato eseguito nessun controllo! Perché risparmiare poche centinaia di Euro per tutelare la nostra salute?

Le analisi di Maggio sono state poi pubblicate sul sito del Comune solo oggi 20 Giugno, dietro nostra insistenza e richiesta di chiarimenti.

Il perché è presto spiegato: per ben 2 volte (9 Maggio e 15 Maggio) le analisi eseguite su acqua prelevata presso le scuole di via Lancini sono risultate batteriologicamente non conformi. Non conforme anche l’acqua prelevata il 22 Maggio presso il lavandino mensa della scuola di Via Monte Sasso a Cavallasca.

E’ vero, la non conformità è per poche colonie di Coliformi e la popolazione non ha corso grossi rischi, ma la positività risulta in ben due analisi consecutive e l’origine può essere da contaminazione da fognatura o da inefficienza della disinfezione, quindi indicatore del cattivo stato delle nostre reti o, come minimo, di cattiva manutenzione”.

Si trattava quindi di dati inconfutabili, ma la replica del Sindaco Mascetti, anziché entrare nel merito si è limitata ad una serie di insulti gratuiti nei confronti di chi, anche per dovere istituzionale se non come semplice cittadino, ha sollevato la questione.

Lo stesso sindaco dimostra anche una certa ignoranza poiché cita fantomatiche “leggi regionali” che non esistono.

La materia è infatti normata da un Decreto Legislativo del 2 febbraio 2001, numero 31. La Regione Lombardia ha invece poi pubblicato una circolare esplicativa, n. 15/San/2004, ripresa in seguito a livello locale dalle diverse ASL ora ATS in varie occasioni con chiarimenti.

La legge stabilisce chiaramente quali siano i parametri di riferimento per giudicare idonea l’acqua destinata al consumo umano e tra questi l’assenza anche di una sola colonia di microrganismi indicatori, quali quelli trovati nel mese di Maggio in alcuni punti rete di San Fermo e Cavallasca.

La legge stabilisce inoltre che vi siano dei controlli interni a cura del gestore (nel nostro caso il Comune) e controlli esterni a cura dell’ente di controllo ufficiale (ASL ora ATS Insubria).

Nel caso di non conformità delle analisi eseguite da controlli interni, la legge 31 e la circolare regionale impongono che devono essere adottate misure idonee per trovare la causa dell’inconveniente. Sicuramente non basta ripetere l’analisi fino a quando risulta favorevole (presso le scuole di via Lancini l’analisi è risultata non conforme per due volte consecutive!) o semplicisticamente aggiungere ipoclorito di sodio fino a rendere l’acqua dal sapore improponibile.

Va invece immediatamente informata la ASL (ora ATS Insubria) che è la vera autorità titolata a dare il giudizio di potabilità.

Avremmo accettato gli insulti e dichiarato mea culpa se il nostro Sindaco ci avesse dato assicurazioni sul fatto di aver informato tempestivamente ATS, ci avesse elencato le misure prese per individuare le cause (di concerto con ATS) e su quali provvedimenti stia adottando per evitare casi analoghi in futuro (visto che non è la prima volta che succede).

Infine vogliamo citare l’articolo 10 comma 4 del DLgs 31/2001:

4. Il sindaco, l’azienda unità sanitaria locale, l’Autorità d’àmbito ed il gestore informano i consumatori in ordine ai provvedimenti adottati, ciascuno per quanto di propria competenza”.

Il Sindaco lo prenda finalmente in considerazione e informi una volta per tutte sullo stato della rete idrica comunale con dati precisi e non con generiche affermazioni.


Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email