Le farneticazioni agostane del presidente della Caritas_Como

Ma come si permette il direttore della Caritas di Como, di dichiarare, esternando disprezzo per chi non la pensa come lui, che in provincia di Como non si sta facendo abbastanza per accogliere tutte le orde di clandestini che giungono giornalmente sino a noi? Ma non si vergogna? Oltre 4 milioni di euro stanziati per l’accoglienza a scapito dei comaschi, paesini cambiati a forza nella fisionomia dall’oggi al domani da sindaci compiacenti, mancanza di prospettive per il futuro, tasse in aumento ed insicurezza ovunque, non bastano per consigliargli almeno un po’ più di moderazione, di prudenza?

E’ di oggi la notizia, da me data su di un social network in tempo reale, di disordini a Bresso, ove migliaia di clandestini hanno bloccato il traffico chiedendo documenti e di essere trasferiti (in strutture di lusso come a Cavallasca?)
Al Bernasconi, altra risposta non c’è se non un bel ‘vaffa’, bello chiaro e bello tondo.
Occorre ribellarsi!
Il popolo italiano, partendo dalle piccole comunità come Cavallasca, guidate da dei signorsisignorprefetto, deve alzare la testa!
Ha il dovere morale di reagire!
Come?
Tanto per cominciare, finchè la politica del Vaticano resterà quella attuale, non devolvendo più l’8×1000 alla Chiesa cattolica.
Poi occorre boicottare quelle amministrazioni che si rendono supine nei confronti dei diktat di Stato, alla stessa maniera dell’ 8×1000, occorre concordare uno sciopero di massa dell’IMU, dell’ICI, della Tari, della Tasi, e di tutte quelle gabelle con le quali chi ci governa, oltre a finanziare i propri sprechi e i propri lussi frutto di estorsioni al contribuente di fatto legalizzate, finanzia l’accoglienza ai clandestini.
Occorre che si sappia che l’80% delle vocazioni di questi ultimissimi anni, provengono unicamente dall’Africa, e che fra 10 o vent’anni non si troverà più un sacerdote europeo nemmeno a pagarlo oro.
Non è difficile, a fronte di queste informazioni che non vengono divulgate, comprendere cosa vi è dietro l’apparente carità cristiana che predicano le associazioni come la Caritas.
Appare chiara la politica del Papa: ad un’Europa popolata sempre  più da miscredenti che non frequentano più chiese e parrocchie, preferisce averla di africani convertiti al cattolicesimo da sacerdoti della loro stessa etnia.
Non è una questione di multiculturalismo, ma di invasione sistematica, programmata, scientifica, pianificata a scapito dell’esistenza stessa del popolo italiano.
Il Vaticano, in questo momento, è il primo nemico della sovranità nazionale italiana ed europea.

Prima ce ne renderemo tutti quanti conto e meglio sarà per noi e per i nostri figli.
Papa Bergoglio, spera_da perfetto gesuita illuso_di convertire queste masse bibliche protetto dall’ordinamento e dalle forze di sicurezza italiane ed europee, visto che in Africa stanno massacrando tutti i cristiani, distruggendo templi e santuari millenari, e professare la fede è diventato pericolosissimo, un rischio mortale.

vittorio belluso

caritas bernasconi

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email