Secondo alcune fonti, sarebbero stati stanziati 200 mila euro per ristrutturare la ex caserma Gdf di Cavallasca.
I lavori dovrebbero partire a settembre

Secondo altre fonti sempre ufficiose, in provincia di Como sarebbero  in arrivo altri 300 profughi.
Esistono molte probabilità, nel caso,  che parte di essi verrebbero smistati a Cavallasca.
Dove, con esattezza, non sappiamo dire.
Ma sappiamo che sono state stanziate € 200.000 per la ristrutturazione della ex caserma Gdf del Monte Sasso, e che i lavori di ristrutturazione potrebbero partire già alla fine dell’estate in corso.

C’è chi ipotizza un nesso fra questo fatto ed il buco di bilancio.
Infatti c’è chi sostiene che
il vero motivo per cui Cavallasca non sia stata commissariata sia  la 
disponibilità del primo cittadino a non creare ostacoli all’insediamento di nuovi richiedenti asilo politico, in aggiunta di quelli già ospitati dal febbraio del 2015.profughi

E ciò perchè, stando al parere di esperti, un commissario prefettizio non potrebbe  decidere di accogliere sul territorio che amministra a tempo dei clandestini, perchè si tratta di una scelta prettamente politica.
Se ciò sia vero o sia il frutto di illazioni, lo sapremo presto. Basta aspettare. Il tempo è sempre chiarificatore.
Ma dal nostro sindaco non ci aspettiamo certo chiarezza e trasparenza comunicativa.
villetta via fontanina 3
Potrebbe ripetere il comportamento assunto  la volta scorsa, quando affermò di essere stato messo di fronte al fatto compiuto e di aver appreso solo all’ultimissimo momento dell’arrivo jn via Fontanina dei profughi.

Se la notizia troverà conferma, ciò significa che Cavallasca, coi nuovi arrivi, diventerà il Comune della provincia di Como con la maggior percentuale di clandestini in rapporto agli abitanti ed uno fra i primi in Italia.
La caserma abbandonata, è già da un paio d’anni di proprietà di una società affiliata al demanio ed è stata identificata ufficialmente alcuni anni fa come struttura idonea all’accoglienza dei profughi.
Ma potrebbe trattarsi anche di un’altra struttura affittata da privati alla cooperativa vincitrice della gara d’appalto, sull’esempio della villetta di via Fontanina.

vittorio belluso
casema gdf 1

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email