Alla fine ha prevalso il buonsenso.
In attesa che le autorità si diano una mossa giustificando l’esosità delle tasse che i cittadini sono costretti a pagare per ricevere in cambio – troppo spesso – menefreghismo, lungaggini burocratiche, inefficienza, spocchiosa arroganza – la giunta comunale comasca ha accolto quel che, fin dal primo momento, avevamo proposto, e cioè che la Valfresca venga aperta a senso unico verso Como, in modo da permettere che coloro i quali si recano al lavoro nel capoluogo, lo possano fare con un sufficiente agio, cosa impossibile con la via XXVII maggio (la Valfresca) aperta nei due sensi.
Non è esattamente quanto auspicato su questo blog dai signori Francesco Pizzala e Roberto Caputo, che auspicavano la contemporanea apertura a senso unico della via Cardano a salire verso San Fermo, ma è comunque un risultato di buon senso, quindi apprezzabile.
Intanto, sul fronte della frana, va segnalato che i tempi di riapertura della Garibaldina (via per San Fermo) sono anacronistici: si parla sempre di tre mesi.

Sabato 4 gennaio scatterà il senso unico di marcia per tutte le categorie di veicoli, comprese le biciclette, nella direzione Comune di San Fermo – Como città.

Mi Piace(11)Non Mi Piace(3)
Print Friendly, PDF & Email