Passaggio pedonale in manutenzione da settimane con conseguente carreggiata ristretta: i cittadini iniziano a spazientirsi

Noi, qualche dubbio, l’avevamo espresso fin dall’inizio, circa l’effettiva  utilità del passaggio pedonale illuminato all’attarversamento del pedone nel bel mezzo della piazza di San Fermo, che è già costata due giorni di traffico bloccato sulla provinciale coi conseguenti inquinamento e perdita di ore di lavoro, oltre che un cospicuo gruzzolo di soldi pubblici.
Ora accade che, dopo tre settimane di lavori in corso a causa di una mattonella che è stata presumibilmente scardinata da un mezzo spazzaneve durante l’ultima nevicata ormai di oltre 1 mese fa,  la carreggiata appaia ristretta da una serie di transenne.
Perchè tanto tempo per aggiustarla?

Questa è la domanda che si stanno ponendo in tanti.
Probabilmente la specificità dell’opera richiede l’intervento della stessa manodopera che ha installato il passaggio, che al momento, evidentemente, è impegnata altrove.
In realtà di altro non si tratta che del solito specchietto per le allodole.
Non ci si è fatto scrupoli di spendere ingenti risorse e creare enormi difficoltà alla viabilità della strada provinciale solo per poter dire in tempi di campagna elettorale:” i primi siamo noi! Le strisce illuminate siamo noi i primi in Italia ad averle adottate!

Ma ora, come testimonia un post da noi reso irriconoscibile nell’autore, apparso su di un social locale, altri cittadini cominciano a porsi le stesse domande che noi ci siamo posti fin dall’inizio.

Mi Piace(5)Non Mi Piace(5)
Print Friendly, PDF & Email