Nuovi lavori a Cavallasca: costosi, autoreferenziali e quanto utili?

Cari lettori,

apprendiamo dal quotidiano locale, per bocca del nostro stesso sindaco, che, con settembre, verranno avviati tutta una serie di lavori di notevole entità, fra villa Imbonati, la piazza della chiesa e poi, a seguire, il Colombirolo, che, almeno in noi, destano più di una perplessità.
Analizziamoli insieme, cercando di capirne le ragioni e, soprattutto, il perchè si è scelto di fare talune opere e non altre.

Partiamo con la notizia che, con la fine di settembre, gli ambulatori medici di villa Imbonati verranno spostati nella ex sede della Protezione Civile e del Comando dei vigili di Cavallasca, a poche decine di metri da dove sono ora, al fine di permettere l’avvio dei lavori che avranno come fine il trasformare gli spazi degli attuali ambulatori in un centro congressi o auditorium, come da render che ripubblichiamo.

Bene, in attesa di poter constatare coi nostri occhi la bontà dei lavori di riqualificazione della ex palazzina del Comando dei vigili e della P.C., ci chiediamo se le barriere architettoniche siano state tutte eliminate.
Sembra cosa da poco, ma non lo è.
La palazzina è sviluppata essenzialmente in verticale, secondo una pianta a pian terreno non molto grande.
Fra chi accede agli ambulatori, spesso annoveriamo persone anziane, o infortunate.
Talvolta anche molto malate, sedute su di una carrozzina.
E’ quindi essenziale che l’accesso agli ambulatori sia facilitato il più possibile.
Negli attuali spazi, a villa Imbonati, tali problemi, erano stati brillantemente risolti.
Staremo a vedere se i nuovi ambulatori saranno all’altezza degli attuali, perchè, come impatto sulla qualità della vita dei residenti, credo che gli ambulatori medici vengano di gran lunga prima di un ipotetico auditorium che verrà visitato, se va bene, una o due volte l’anno,

Altra considerazione che concerne la Villa seicentesca.
Già ora è sottoutilizzata.
Qualche mostra pittorica di scarso valore ogni tanto, qualche matrimonio, una convenscion massonica di calibro nazionale nell’agosto di qualche anno fa … poi più nulla.
Se non fosse per il via vai di persone generato dalla presenza a fianco della villa degli attuali ambulatori medici, la piazza con la fontana antistante alla villa sarebbe, molto più di ora, infestata da erbacce e trascuratezza.
A che scopo realizzare un centro congressi, se già ora la villa risulta vuota e inutilizzata per la stragrande maggioranza del tempo?
… Provo a spezzare una lancia in favore del nostro sindaco.
Era infatti stata una mia idea, ai tempi della amministrazione cavallaschina drammaticamente a corto di risorse economiche, il trasformare Villa Imbonati in un centro di eventi, da affittare a caro prezzo, dato il suo prestigio.
Ricordo le polemiche degli esterrefatti “git” di allora, che vedevano nella mia idea un sacrilegio.
Ma Villa Serbelloni a Bellagio e, più recentemente, l’affitto di villa Olmo a Como da parte dell’amministrazione Landriscina, stanno lì a dimostrare di quanto le mie idee fossero avanti per la realtà di quei tempi, con una opinione pubblica locale ancora non pronta ai cambiamenti sociali ed economici che pure erano già nell’aria.
Ora, se il nostro sindaco, intende investire centinaia di migliaia di euro, per fare un centro congressi prestigioso, con un bel tetto nuovo da cui si sarà rimosso il pericoloso amianto, da affittare a suon di moneta contante per le casse comunali, per eventi e matrimoni ( possibilmente stavolta non ai massoni), quindi sta facendo quello che imprenditorialmente si chiama investimento a medio/lungo termine, ebbene, ha la nostra benedizione.
Ma se, al contrario, con l’ennesima opera centralista e faraonica, il sindaco intende realizzare un doppione di un qualcosa che già ora è sottoutilizzato e in perdita economica ( Villa Imbonati, allo stato attuale delle cose, costa un occhio mantenerla e non produce alcun utile), solo al fine di autoreferenziarsi, il nostro pollice, ancora una volta, non può e non potrà che essere rivolto in basso.

Per quanto poi concerne il rifacimento della piazza Garibaldi con l’allargamento del sagrato, e la rivoluzione viabilistica che ne conseguirà,  abbiamo già detto e scritto che consideriamo il lavoro, per dirla alla ragionier Fantozzi: “una cagata pazzesca”.

vittorio belluso

Mi Piace(12)Non Mi Piace(10)
Print Friendly, PDF & Email
  1. .... a settembre gli ambulatori verranno spostati, ma i medici, ad oggi, non sono stati avvertiti.
    cose da pazzi!

    Mi Piace(2)Non Mi Piace(3)
  2. Ciao amico mio che mettessero a posto le strade che fanno schifo sono tutte dei gruviera rovina macchine

    Mi Piace(5)Non Mi Piace(4)
      1. Esatto che quel Prato di fronte a te facessero tutto parcheggio quello lì dove c'è anche la posta in mezzo

        Mi Piace(2)Non Mi Piace(4)
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Potrebbe piacerti anche