gagliardi-pdL’analisi di Riccardo Gagliardi.

file audio intervento Gagliardi

496.000 euro: questa è l’entità del buco di bilancio del Comune (stando ai dati emersi l’altra sera) che i cittadini di Cavallasca dovranno pagare nei prossimi anni.

Qualcuno lo ha definito come una “serie di errori tecnici”; un pezzo di verità al quale – ci auguriamo – vengano aggiunti tutti i tasselli sulle responsabilità di tutti per arrivare ad un quadro definitivo sulla vicenda, ad oggi piuttosto nebuloso.

Certamente l’introduzione della contabilità armonizzata ha messo alle spalle al muro quelle amministrazioni che rimandavano agli anni successivi incassi non avuti o spese non pagate, ma se questa novità amministrativa avesse messo in difficoltà i Comuni molte amministrazioni si sarebbero trovate nella situazione di Cavallasca.

Eppure per San Fermo non è stato così, non è così per Colverde, nè per Montano Lucino e né per tante altre amministrazioni.

Ecco che allora i dubbi sulle responsabilità politiche della Giunta Ronchetti, che doveva essere in grado di gestire un sistema interno di verifica e controllo dei conti, emergono, come risulta evidente la sua difficoltà nel riconoscerlo: ieri sera solo un laconico passaggio in cui Ronchetti ha dichiarato che “sono in corso verifiche sulle responsabilità”, come se questa verifica riguardasse altri, ma non il proprio operato.

Una surreale fuga dalla realtà che lui stesso (come Sindaco e come Assessore al Bilancio) ha contribuito a determinare.

Alla fine la parte più saggia è stata quella del pubblico la cui preoccupazione maggiore era ed è quella di sapere come questa amministrazione intende sistemare la situazione. E lo ha fatto con toni anche pacati, in relazione anche alle risposte evasive e talvolta provocatorie di Ronchetti e del suo vice, il quale si è persino spinto a lodare il buon operato dell’amministrazione (!??)

Di certo tutti siamo usciti dal Municipio con più domande di quelle che avevamo all’entrata e questo fa capire che, se lo scopo della riunione era quello di chiarire, esso non è stato raggiunto.

Per mettere in atto infatti un serio e chiaro piano di rientro, coi tagli e aumenti di tasse conseguenti, occorrono due doti che facciamo davvero fatica a vedere nell’attuale giunta: capacità e credibilità.

Se Ronchetti e la sua giunta non sono stati in grado di gestire l’amministrazione ordinaria come potranno farlo in una situazione straordinariamente grave?

Con quale credibilità quando per anni hanno dichiarato in documenti ufficiali che tutto veniva verificato sino all’ultimo centesimo sui soldi dei cittadini?

Con quale trasparenza anche quando in questa vicenda hanno agito di nascosto e non hanno neppure contestato formalmente chi, per competenza (il Revisore dei conti), doveva verificare i conti del Comune, che evidentemente non ha svolto in modo approfondito?

Domande per le quali continuiamo a ribadire che esiste una sola risposta: dimissioni.

Riccardo Gagliardi

ronchetti 4

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email