Chi ha approvato questa concessione edilizia?

Le foto che seguono, evidenziano in maniera invero impietosa, quello che, ai nostri occhi, è un vero e proprio obbrobrio.
Ovvero il fatto che i lavori di rifacimento dell’asilo parrocchiale di Cavallasca, resi possibili unicamente grazie all’elargizione milionaria che la nostra giunta ha fatto nei confronti della parrocchia, interessino il marciapiede comunale, e, meno direttamente, la già stretta strada di passaggio diretta al Monte Sasso.

Resta da capire – aldilà di quanto già espresso in passato su questo blog sull’opportunità o meno che il nostro Comune elargisse una somma così importante ad un ente estraneo ad esso per il rifacimento di un bene che era e resterà di proprietà altrui, se una simile concessione edilizia sarebbe comunque stata rilasciata nel momento in cui il richiedente fosse stato un cittadino qualsiasi.

Una gronda che a filo supera il ciglio del marciapiede (foto di copertina) invadendo la strada comunale (alla sua sommità; in basso l’angolo del muro preesistente è stato smussato), due spigoli di costruzione che invadono il marciapiede stesso costituendo un ostacolo insormontabile per passeggini e carrozzine per invalidi (le famose barriere architettoniche), sono la prova provata che questo progetto nasce in un contesto quanto meno opinabile.
Ed anche la volumetria complessiva – di molto aumentata rispetto alla costruzione originale – desta non pochi dubbi a chi, come noi, ha provato sulla propria pelle cosa significhi richiedere una concessione edilizia.

vittorio belluso

Mi Piace(9)Non Mi Piace(3)
Print Friendly, PDF & Email