La settimana politica sanfermina

La settimana che si chiude oggi, col voto consultivo referendario che chiede un minimo di indipendenza fiscale per la Lombardia, in modo che essa possa godere di maggiori risorse rispetto ai 7 miliardi e rotti del bilancio attuale per opere e servizi da realizzare sul proprio territorio, senza vedere circa il 90 % delle proprie risorse fiscali prendere la via di Roma per non tornare mai più (come accade oggi: residuo fiscale a 58 miliardi euro), è stata una settimana interessante.

Vediamo insieme gli episodi salienti

1 è stata istituita dal sindaco una commissione municipale che si occuperà della sicurezza.

Un argomento da me personalmente caldeggiato e mai trattato nello specifico fino ad oggi che il sindaco -bontà sua- ha accolto.

Non so se per crisi di coscienza o per semplice moto compassionevole, … sta di fatto che in detta commissione farà parte anche il sottoscritto che, conseguentemente, ricoprerà un ruolo, sia pur marginalissimo, all’interno dell’organigramma comunale.

2 Domani scade il termine fissato dal sindaco per risolvere l’annosa questione dei lavori di urbanizzazione mai realizzati nel quartiere di via Borsellino a Cavallasca.
Lottizzanti e residenti dovranno giocoforza trovare un accordo, altrimenti la palla passerà agli avvocati ed alle assicurazioni.

3 Non si è ancora spento l’eco della lettera anonima che il sottoscritto ha ricevuto e per la quale ha sporto denuncia querela.

I Carabinieri stanno indagando, e le missive sono state fatte visionare ad un esperto calligrafico.
Si è appurato che la persona autrice delle missive stracolme di strafalcioni e ingiurie, è la stessa che in passato ha inviato lettere dai contenuti similari al povero ex sindaco e all’ex prevosto.
Conseguentemente il cerchio si sta stringendo attorno alla squallida persona, e sarà nostra cura, non appena avremo il piacere di  conoscerne il nome, di pubblicarlo unitamente al cognome, ma non prima di averle chiesto un risarcimento commisurato alle infamie contenute in tutte le missive inviate, comprese quelle non indirizzate al sottoscritto.

Bene, credo che sia già tutto, auguro una buona domenica a tutti e mi permetto di esortarVi ad andare a votare il referendum, ricordandoVi che la tessera elettorale non è necessaria, essendo il referendum di tipo consultivo.

vittroio belluso

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*