Tutto fermo in via Borsellino: i lavori non ripartono nello sconcerto dei residenti ai quali era stato promesso il riavvio dei lavori già quest’autunno

Tutto fermo in via Borsellino, ove il nuovo quartiere costruito sotto la precedente amministrazione aspetta da anni che siano ultimati i lavori (già pagati) di urbanizzazione.

I costruttori, almeno coloro che rimangono, visto che alcune ditte hanno dichiarato il fallimento, non intendono ultimare i lavori.
Si potrebbero fare valere le fidejussioni, almeno così aveva promesso il sindaco durante la campagna elettoròle, ma, ora, con oltre 4 anni di mandato avanti a sé, forse non se la sente di andare per vie legali con potentati o presunti tali.
E la storia di questa Italia si ripete.
Un paese che andrebbe riformato partendo dalle fondamenta.

Ricapitolando:

Ad oggi la luce non c’è.
Hanno solo asfaltato 10 metri di strada (sotto elezioni)
Ma il resto delle opere di urbanizzazione sono ferme al palo.
La convenzione stipulata coi costruttori è scaduta.
Entro quella data le imprese avrebbero dovuto completare le opere di urbanizzazione, avendo venduto praticamente tutte le case.

Il Comune di San Fermo non ha fatto nulla per far si che le cose si sistemassero, l’unica cosa che ha fatto la precedente amministrazione, su sollecito dell’allora consigliere comunale Belluso, è stata quella di organizzare un incontro a febbraio 2016 con i residenti per spiegare la situazione.
Con la fusione il Comune di San Fermo aveva avviato la pratica per l’escussione delle fideiussioni, pratica interrotta per trovato l’accordo dal sindaco, citato nell’articolo di aprile 2017 dalla Mascolo sotto campagna elettorale.

Ad oggi non è cambiato nulla.

Nella foto che segue, l’articolo de ‘La Provincia’ che informava i residenti che in autunno tutto si sarebbe sistemato.
Promesse in forza delle quali tante brave persone  sono corse alle urne per votare l’attuale sindaco,

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email