Forza Gaddi !

Ebbene sì, sono una bandiera. Che è l’esatto contrario della banderuola, che cambia continuamente direzione. Fedele alla maglia di Forza Italia (non nei secoli) ma da 25 anni (che comunque non sono pochi) oggi sono candidato alla Camera nel collegio di Como, Lecco e Sondrio. Certo, parto da una posizione che potrebbe essere definita, appunto, di bandiera, ma poco importa. La bandiera è il simbolo più alto, e la sua difesa è sempre un onore. Quindi, per darmi una mano a farla sventolare, basta decidere di andare a votare e mettere una croce sul simbolo senza dover scrivere null’altro. Semplicissimo. Ah, dimenticavo. In ogni caso mi occuperò (come faccio da una bella ventina d’anni) essenzialmente di cultura, che è l’unico tema utile per tutti, che non deve avere bandiera. Una contraddizione sana, che mi diverte assai.

Mi Piace(8)Non Mi Piace(12)

Noi stiamo con Fontana!

Noi stiamo con Fontana, che ha la colpa di aver detto niente di più e niente di meno che la pura verità. E cioè che il popolo Lombardo (e sottinteso italiano), a causa della sua scarsa natalità (i cui motivi sono sociologici e contingentali) si sta estinguendo, subendo un processo di vera e propria sostituzione etnica, ad opera dell’immigrazione incontrollata.
Non capiamo cosa ci sia di male ad ammettere quel che persino nella nostra Costituzione è scritto, laddove si cita testualmente la parola: ”razze”.
Le razze esistono eccome e si formano adattandosi all’ambiente che le circonda, specificandosi ed evolvendosi, come ha scientificamente comprovato Darwin nella sua teoria dell’evoluzione della specie, che tanto clamore fece quando vene presentata riscontrando la violenta avversione della Chiesa cattolica di allora, che vedeva molti dei suoi fondamenti dottrinali messi in discussione alla radice.
La società multiculturalista, altrimenti chiamata Eurabia, che i padroni dell’economia mondiale vorrebbero imporci, è costituita da un mondo piatto, di esseri uguali anche sotto il punto di vista morfologico, un mondo di eguali che risulterebbe evidentemente più facile da comandare, sfruttare e indottrinare.

Mi Piace(10)Non Mi Piace(13)

… “non votate i populisti!”

Lo spot elettorale del Vescovo di Como a favore di PD e Liberi e uguali

Il Vescovo di Como, nella sua omelia nella funzione di fine anno, ha esortato i fedeli presenti a  “non votare i populisti“.
ha inoltre sottolineato che per il cattolico l’astenersi dal recarsi alle urne sia peccato.
Ma, diremo noi, senza tanti giri di parole, anzichè far capire agli astanti di non votare per Salvini, Meloni, Berlusconi o Grillo … non avrebbe fatto prima a dire direttamente per chi votare?

Ha detto testualmente Cantoni:

“Non posso poi tralasciare un appello che mi sembra importante e che deve interessare tutti. Nel prossimo mese di marzo saremo chiamati alle urne. Siamo in un periodo in cui i partiti e gli uomini politici hanno generato delusioni e disaffezione all’impegno politico. Il malcontento e la diffidenza verso i leaders politici sono approfonditi a causa di aspettative non soddisfatte e problemi non risolti. L’astenersi dal voto, a cui invece tutti siamo obbligati, non deve essere espressione di questa delusione. Non deve essere il partito dei rinunciatari a prevalere e nemmeno i leaders politici populisti possono assumere le responsabilità di governo sfruttando le rabbie e le paure della gente, a causa di promesse di cambiamento seducenti quanto irrealistiche. Ciascuno, in coscienza, si orienti verso quei candidati che presentano programmi che facilitino il bene possibile, che tutelino la dignità e il rispetto della vita delle persone, che facilitino solidarietà e non si limitino a promesse aleatorie”.

Scrive l’onorevole Nicola Molteni sulla sua pagina facebook, ribattendo alle parole del Vescovo:

“Non commento le parole della Curia, ad ognuno il suo compito.
Compito della politica è gestire bene la “cosa pubblica” e portare i cittadini ad esercitare il diritto/dovere di votare.
La Chiesa ha un altro ruolo, guidare le anime dei fedeli e parlare alla Comunità dei cattolici. 
Come fedele avverto l’assenza di un pastore come Monsignor Maggiolini che ci invitava a cogliere i pericoli del relativismo culturale e religioso minaccia della nostra civiltà cattolica.
Sui migranti ho ben chiare le parole di Papa Benedetto XVI “Prima del diritto a emigrare, va riaffermato il diritto a non emigrare”.

Certo, diremo noi rincarando la dose, che  Maggiolini era altra e ben più alta cosa!
Altri tempi, altra Italia, altra chiesa!

 

Mi Piace(8)Non Mi Piace(8)

Difensori della libertà a raccolta a Como in difesa del loro business

Stamattina quel che resta di una maggioranza parlamentare che ha trasformato l’Italia nell’immondezzaio d’Europa, si raccoglie a Como al capezzale di una onlus pro accoglienza loro affiliata che avrebbe subito una intimidazione di stampo fascista.
Ministri senza la laurea, venditori di pentole a pressione, figlie di papà messe lì a fare gli interessi di babbo, tutti insieme appassionatamente si danno convegno a Como per dimostrare contro la lettura di un volantino da parte di un ragazzo di destra, laddove – appena ieri – gli stessi – si schierarono dalla parte dei black block che misero a ferro e fuoco Genova.
La massima che ne vien fuori è: lancio di estintore e molotov contro l’arma dei Carabinieri da parte di un sinistro SI, lettura di un innocuo volantino da parte di un destro NO.
Facciamo in modo che la città accolga questi rottami politici con l’indifferenza che meritano.

vittorio belluso

Mi Piace(1)Non Mi Piace(0)

Le fake news … spesso sono tutto fuorchè fake news

Fake news

Se si va a leggere con attenzione la proposta di legge, si nota che si parla di tutto tranne che di fake news. (Notizie spazzatura – false- tedianti – disinformanti).

In verità si vuole censurare i siti web per le opinioni che contengono e che, più dei telegiornali e delle trasmissioni di Stato, vengono lette dal popolo italiano.
Chi ci governa si sente sotto assedio, comprende che ogni giorno di più sta perdendo il controllo dell’informazione e la capacità di generare modi di pensare funzioanli al proprio sistema di potere.

Chi ci governa, ogni giorno di più sbugiardato – nessuno escluso  –  dai social network, tenta di correre ai ripari.

Si vuole identificar chi usa i social, si vuole controllare chi insulta e diffama (e questo ci sta), si vuole soprattutto limitare i siti web con notizie vere ma che sono dannose per la politica di accoglienza indiscriminata (dietro cui si celano enormi interessi economici) che si vuole imporre ad un sempre più povero e sfiduciato popolo italiano.

Quindi attenzione, le fake news … spesso sono tutto fuorchè fake news, ma l’unica voce onesta e rispondente alla realtà che si può trovare su internet.
L’unica che rispecchi veramente il pensiero di un popolo, indipendentemente da chi lo governa e dai suoi potenti organi di informazione.

vittorio belluso

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Il problema dell’Italia sono gli italiani

Con le casse dell’Inps in profondo rosso, Berlusconi promette che – se vincerà – alzerà la pensione minima di anzianità a 1000 euro.
Promessa populistica. Irresponsabile. Truffaldina.
In piena sintonia con quel che prometteva l’altro venditore di pentole, tal Matteo Renzi.
Ora, il problema non sono i politici, ma noi italiani: fintanto che premiamo chi ci promette di più punendo chi ha il coraggio e l’onestà di dirci la verità, saremo sempre un popolo di serie B dai problemi che si tramandano, peggiorando, di generazione in generazione.
Winston Churchill, nel 40, in un momento drammatico per la sua nazione assediata, ebbe il coraggio di promettere lacrime, sudore e sangue.
E vinse.

vittorio belluso

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Tempo di tasse …

Lo Stato italiano è due volte esoso, quando ti chiede di pagare le tasse:
perchè oltre a chiederti di lavorare per lui per poco meno di 8 mesi l’anno (e questo solo con le tasse dirette, senza contare quelle occulte che pure pesano nel bilancio), ti chiede anche l’acconto sugli ipotetici ricavi che la tua azienda farà l’anno successivo.
E’ la politica che deve dare delle risposte. E’ la politica, con la sua voracità, la prima responsabile della crisi economica in cui versa il nostro paese con la conseguente perdita di posti di lavoro.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Toh! … si indaga a destra!

Gli avvisi di garanzia all’81enne Berlusconi, a pochi mesi dal voto, dimostrano inequivocabilmente 2 cose:

1) la magistratura italiana, composta per 10 undicesimi da ‘figli del 68’, non è seria, non è credibile. È faziosa e politicizzata.

2) la sinistra italiana – alias il PD – non ha altre risorse per sperare di frenare l’emorragia di voti dovuta al fallimento della sua opera di governo, che infamare l’avversario. Speriamo e crediamo che gli italiani si rendano conto che è ora di cambiare, cacciando chi ci ha indebitato distruggendo posti di lavoro facendo fallire aziende su aziende con un eccessivo carico fiscale, riempiendoci parallelamente di clandestini scrocconi, shaaristi e fancazzisti.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

… e se fosse domani il 9 Ottobre 2016?

Di Alessandro Carughi su fb

Cari Amici, Care Amiche,

Esattamente un anno fa , oggi, sarebbe stato l’ultimo giorno da Cavallaschini. Ultimo giorno perché domani appunto saremmo andati a votare per l’avvenuta fusione. Ma oggi è tempo di tirare almeno le prime conclusioni; vale a dire che su 6432 aventi diritto al voto (di domani) solamente 2903 si sarebbero presentati alle urne. Non entro nel merito ne del Si e nemmeno del No; ma in campagna elettorale (pre-fusione) sentivo dire cose di questo genere :

-avremo maggiori impiegati comunali e potenzieremo il servizio , quando invece alcuni per non dire molti hanno chiesto il trasferimento e non sono stati rimpiazzati

-interverremo in maniera ordinaria e straordinaria nella manutenzione della cosa pubblica e sulla sicurezza, è notizia di pochi giorni fa che è saltata una conduttura dell acqua potabile in via Mazzini .. eppure con i soldi dell avvenuta fusione si poteva iniziare a fare degli interventi di manutenzione programmata al nostro acquedotto; come fece , e gliene do atto, Ronchetti che riuscì a diminuire di molto la dispersione. Non ho visto nemmeno interventi di asfaltatura nelle vie che necessitano appunto di un bel nuovo manto stradale eppure i soldi ci sono.. Ho visto tanti dossi in qualsiasi caso esagerati ma talvolta ,non lo nego , molto utili. Ho visto tanti Velobox deturpare il paesaggio del mio paese , ma mai elevare una contravvenzione in quanto , è ora di chiarirlo , sono fuori norma.

Ho visto tanto , e tanto ancora vedrò peccato però che sono rimasto fuori dalle varie commissioni , io come molti altri della ex commissione Cavallasca. Nella quale siamo riusciti con forza ed onesta ad ottenere molto , l’ultima e più visibile è stata l’acquisto dello scuolabus. Ognuno di voi tragga le proprie conclusioni , non spetta a me farlo …
Ma se fosse domani il 9 Ottobre 2016?

 

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Strano papa questo papa: parla spesso a sproposito ma quando deve (o dovrebbe) tace

Più di Rajoy che ha usato l’intimidazione violenta per tentare inutilmente di tenere la gente lontana dai seggi, lascia perplessi questa Europa. Dov’è?? Perché non parla dopo i fatti di Catalogna?? La Catalogna non è forse in Europa?? Ipocrita!! Dica che i soldi dei catalani le fanno comodo. Lo dica, questa Europa di ciarlatani filo immigrazionisti, sfruttatori e parassiti.
E il papa? Perché non parla di domenica? L’abbiamo sentito ultimamente benedire gay, lesbiche, trans e immigrati, imporre ai parroci l’accoglienza dei clandestini negli oratori … ma sulla Catalogna manco una parola!!

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

… l’altro è Bergoglio

Quello a sinistra è il Papa che ha condannato senza se e senza ma il terrorismo di matrice islamica e la “dittatura del relativismo” esortando l’Occidente a rialzare la testa attraverso la riscoperta della propria Identità. L’altro è Bergoglio.

 Alessandro Nardone

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Sinistra ipocrisia

Guardate bene questo povero cucciolo: è il bambino ucciso dagli jihdaisti l’altro ieri a Barcellona.
Questa immagine i nostri media filo immigrazionisti – con la complicità della chiesa di bergoglio – NON ce la mostreranno perchè troppo scomoda.
… In compenso -mesi fa- il bimbo morto annegato sulle spiagge greche, ce l’hanno propinato anche nel pranzo di Natale.
… 2 pesi, 2 misure.
Occhio!

vittorio belluso

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Velobox sparito per la seconda volta

Apprendiamo che stanotte questo velobox sul rettilineo dell’ospedale è sparito per la seconda volta.
Pensiamo che le nostre autorità dovrebbero farsi un esame di coscienza.
Il popolo si ribella a queste estorsioni legalizzate, ammantate dell’ipocrisia di voler garantire sicurezza, quando invece anche un bambino comprende che servono solo per fare cassa.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

… merito dei lucchetti di plastica de La Provincia?

Di Sergio Gaddi

Nemmeno il grande Alberto Sordi, insuperato interprete della cialtroneria italica, è mai arrivato a tanto. Questa non è una semplice copertina, ma un’opera d’arte. Signori, giù il cappello.

Quando l’impudenza viscida viscida, l’opportunismo piccolo piccolo e la falsità grande grande superano ogni argine di decenza, ecco che si entra negli spazi rarefatti dell’arte. Questa non è più una sparata giornalistica, non è solo un fatto locale. Lucchetti e cartoline hanno restituito il lago! Stupendo. Una capacità di prendere per il culo il prossimo sublime, trascendentale, assoluta. Una palla cosmica e meravigliosa che dovrebbe diventare oggetto di tesi di laurea, di dibattito. Una follia paesana untuosa ma magnetica, piena di fascino sordido che attira come un film splatter. Va studiata nelle università, bisogna farci convegni, seminari, simposi.
Eppure, per noi che abbiamo fatto il militare e siamo uomini di mondo, il fatto che qualcuno del B&B di via paoli consideri i cittadini un branco di coglioni affascina come una spiaggia maldiviana.
Penserete, a questo punto, che non si possa andare oltre, che il fondo più fondo sia stato infranto, che il peggio del peggio sia stato abbondantemente raggiunto dalla copertina. Errore. Ecco che, come il petalo attaccato alla corolla, arriva l’editoriale di contorno. Ma, incredibile a dirsi, dalla prima riga si capisce che il piatto forte sia in realtà il solito rigurgito settimanale, condito con i soliti copia e incolla e guarnito con i soliti 4 aggettivi già marciti.
Ora, va bene che abbiamo stomaci forti, va bene uno sguardo ammirato alla copertina, ma arrivare addirittura al fondo dell’editoriale a ora di pranzo vuol dire auto-infliggersi il reflusso gastroesofageo con conseguente ingrossamento patologico dello scroto. Ne vale la pena?

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Mascetti e il popolo degli ingenui

Non so in quanti residenti di S. FERMO capiranno e approveranno questo post… ma io affermo con assoluta convinzione che usare le 750 mila euro provenienti dallo Stato come premio per l’avvenuta fusione di Cavallasca in S.Fermo per investirle tutte in una proprietà immobiliare extra comunale … è un obbrobrio morale, etico e amministrativo. Vergogna a chi ne è autore e fautore.
Pena per chi non ha capito che dietro a questa operazione vi é solo la compravendita del consenso usando risorse pubbliche.

vittorio belluso

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Alfano = Traglio

Questo signore rinnegato, vergogna italiana prima ancora che del cdx, voterà SI alla jus soli non per un distorto senso di progresso … ma per smisurato amore della poltrona. Non dimenticatelo quando a Como andrete a votare domenica, tenete ben presente che Traglio è di questa sponda: la sponda di chi sta scientemente rovinando il popolo italiano.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)