Tutti gli articoli di fC-news

Quattroruote intervista Francesco Leanza sui nuovi passaggi pedonali

Articolo ripreso da Quattroruote, a firma Fabrizio Formenti, in seguito all’ordinanza che pubblichiamo

Con ogni probabilità, le prime zebre che s’illuminano automaticamente al passaggio di un pedone si accenderanno a 15 minuti di auto da Como, esattamente nel comune di San Fermo della Battaglia. L’idea di base è più pratica che geniale: quando qualcuno si appresta ad attraversare, un semplice sensore attiva speciali pannelli carichi di luci a led, che formano piastrelle luminose di circa 50 centimetri per lato. Queste, posizionate in testa e in coda a ogni striscia bianca della zebra, non possono passare inosservate a chi, alla guida di un mezzo, con l’anticipo necessario alla sicurezza riceve così un deciso e inequivocabile avvertimento. Fra le dozzine di sistemi installati negli anni nel tentativo di proteggere chi attraversa la strada a piedi e con diritto di precedenza, questo (importato dalla Spagna da una società dell’Alessandrino, che ne ha opzionato il brevetto) pare efficace già a prima vista; e le sperimentazioni condotte sulla costa spagnola a Cambrils, a sud di Barcellona, avrebbero già convinto altre amministrazioni ad adottarlo.

Con ogni probabilità, le prime zebre che s’illuminano automaticamente al passaggio di un pedone si accenderanno a 15 minuti di auto da Como, esattamente nel comune di San Fermo della Battaglia. L’idea di base è più pratica che geniale: quando qualcuno si appresta ad attraversare, un semplice sensore attiva speciali pannelli carichi di luci a led, che formano piastrelle luminose di circa 50 centimetri per lato. Queste, posizionate in testa e in coda a ogni striscia bianca della zebra, non possono passare inosservate a chi, alla guida di un mezzo, con l’anticipo necessario alla sicurezza riceve così un deciso e inequivocabile avvertimento. Fra le dozzine di sistemi installati negli anni nel tentativo di proteggere chi attraversa la strada a piedi e con diritto di precedenza, questo (importato dalla Spagna da una società dell’Alessandrino, che ne ha opzionato il brevetto) pare efficace già a prima vista; e le sperimentazioni condotte sulla costa spagnola a Cambrils, a sud di Barcellona, avrebbero già convinto altre amministrazioni ad adottarlo.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Gli appuntamenti di San Fermo democratica

carissima, carissimo,

come saprai Domenica 11 Giugno i cittadini di San Fermo della Battaglia sono chiamati a votare per eleggere un nuovo Sindaco e dei nuovi Consiglieri Comunali.

Elezioni inaspettate che avvengono a seguito della fusione di Cavallasca con San Fermo. Una fusione che ha suscitato opinioni contrastanti. Qualcuno era contrario per non perdere la identità delle singole comunità; altri erano favorevoli ma avrebbero preferito una modalità diversa dalla semplice incorporazione che non ha messo sullo stesso piano le due popolazioni; altri ancora l’hanno accettata solo per una opportunità economica, molti sono rimasti indifferenti ed hanno disertato il referendum consultivo.

Ora però queste differenze vanno superate, occorre prendere atto della avvenuta fusione, valutarne sia gli aspetti positivi che le criticità  e fare in modo che il nuovo più grande paese che sta nascendo abbia un progetto amministrativo chiaro e condiviso, scandito da impegni precisi, che punti davvero a migliorare i servizi comunali, rendendo i cittadini protagonisti di questo cambiamento e non semplici destinatari passivi di decisioni prese dall’alto.

Noi pensiamo che all’attuale amministrazione manchi questo progetto strategico, ammaliata solo dalla prospettiva di poter spendere come vuole le ingenti somme che arriveranno dallo Stato come premio per la fusione.

Per questo abbiamo deciso di presentarci alle prossime elezione con una lista alternativa.

Presentiamo candidati e programma nei giorni:

  • Giovedì 25 Maggio, ore 21, presso sala sopra centro anziani , via de Cristoforis 2, San Fermo

  •  Venerdì 26 Maggio, ore 21, presso Villa Imbonati, Cavallasca.

 

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Cavallasca abbandonata a se stessa

Anche i water abbandonati nel parco da giorni. Nessuno se ne cura.

E’ veramente imbarazzante per i residenti a Cavallasca, il dover constatare il crescente abbandono di cui è fatta oggetto la comunità.
Come abbiamo già scritto, dopo l’avvenuta fusione, appare chiaro che Cavallasca sia stata degradata a periferia di San Fermo.

La foto che segue è stata scattata stamattina nel parco vicino all’entrata del campo da basket, in prossimità del ruscello vicino ad una panchina.
Forse sarebbe il caso che qualcuno dell’amministrazione muovesse il suo prezioso sedere e venisse a constatare di persona.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Festa agricola

Sarà una giornata dedicata a promuovere le realtà agricole, in particolare quelle gestite da giovani, della provincia di Como. La manifestazione si svilupperà con una Messa immersa nel verde e una Benedizione degli Animali. Successivamente ci sarà un PRANZO km0, cucinato direttamente sul posto, dove verranno utilizzati i prodotti delle diverse bancarelle ed aziende. In cucina saranno presenti due giovani chef, Matteo Tettamanzi e Benedetta Briccola entrambi impegnati negli studi in corsi professionali.

Nel pomeriggio ci saranno 3 attività didattiche: laboratorio di formaggio, smielatura e orto didattico. Ci saranno inoltre, grazie al contributo degli organizzatori del grest, diversi giochi che coinvolgeranno sia adulti che ragazzi, tra i quali troviamo la corsa con le carriole e il tiro alla fune.
Nella tardo pomeriggio ci sarà anche un concerto musicale sarà presente come ospite la “Simpaty Band” un’associazione di ragazzi normodotati.
Sarà una giornata che permetterà alle aziende partecipanti di farsi conoscere maggiormente sul territorio e promuovere i prodotti.
Inoltre si potrà entrare in contatto con la natura, attraverso le diverse razze animali che saranno presenti

Pietro Agostinelli, Giacomo Corbani

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Festeggiamenti per il neocavalierato a Marco Frigerio

Si è tenuta oggi a Grandola, presso l’agriturismo ‘l’antica Chioderia’, una cerimonia per festeggiare la nomina a cavaliere della repubblica di Marco Augusto Frigerio.

Presenti, fra gli altri, il sindaco di Grandola, il cavalier Alberto Botta, il Presidente della Spina Verde Giorgio Casati e l’ultimo sindaco di Cavallasca, Fausto Ronchetti.

Per l’occasione, fra i tanti regali ricevuti, anche un acquerello di Lucia Borgesi che ritrae il Frigerio nella sua posa più naturale: a cavallo!

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

La lista unica spauracchio della maggioranza

Secondo le ultime notizie che ci arrivano, pare che anche il gruppo di Enzo Tiso, dopo quello di Massimo Butti, stia seriamente pensando di NON presentarsi alle prossime elezioni amministrative dell’11 giugno
La strategia è nota:
si tratta di lasciare solo il gruppo Mascetti, il cui leader è accentratore fino all’ossesso tanto che ama contornarsi di soli yes man.
Con una lista sola, l’11 giugno, si farebbe strada l’ipotesi che il quorum del 50% di votanti non venga raggiunto, invalidando le elezioni e costringendo il Prefetto al commissariamento del Comune.
In alternativa, qualora tale soglia venisse oltrepassata, il consiglio comunale che ne deriverebbe sarebbe comunque svuotato di credibilità, con una unica lista presente, il cui leader resterebbe senza più nessun freno inibitore, libero quindi di sbagliare a volontà.
Un uomo solo, contornato da yes man e yes woman, non può fare altro che mostrarsi per quello che è, con tutti i pregi, ma anche con tutti i difetti.

L’appuntamento è per venerdì 28 aprile alle h 21 a villa Imbonati, ove, fra le altre cose, verrà finalmente ufficializzata l’entità del buco di bilancio della precedente amministrazione di Cavallasca, alla luce degli ultimi e ulteriori approfondimenti eseguiti stavolta dal personale di San Fermo.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Nicola Molteni denuncia la vergogna del nuovo appalto per l’accoglienza: 58.932.300,00 euro !!!

+++SCANDALOSO+++
Nuovo bando europeo della Prefettura di COMO.
58 MILIONI DI € ( !!!!!) per i prossimi 2 anni per l’accoglienza di 2100 richiedenti asilo più altri 420 in PROVINCIA DI COMO!
Una montagna di quattrini per presunti finti profughi!
Questo è RAZZISMO al contrario nei confronti di COMASCHI in povertà, disoccupati, cassaintegrati, indigenti, esodati e senza casa!!!
Tra i servizi garantiti ai finti profughi anche SERVIZIO DI LAVANDERIA e igiene di CAPELLI E BARBA!!
E’ INACCETTABILE!!

Nicola Molteni

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

La buona idea di Alessandro Carughi – commissione di Cavallasca

Questa sera si è riunita per la seconda volta la Commissione di Cavallasca. Come ordine del giorno vi erano i seguenti punti:

• Progetto scuola materna, aggiornamenti: è stato presentato un progetto di massima che prevede la ristrutturazione dello stabile già in essere e del suo ampliamento per consentire una migliore vivibilità e fruibilità ai bambini ed anche ai genitori. Tutto questo sebbene in un’ottica di “calo” delle nascite porterà comunque un beneficio perché in un futuro non molto lontano , con i maggiori spazi a disposizione si potrà anche iniziare a ragionare sull ampliamento del servizio (nido). Ovviamente il costo dell opera è molto rilevante e proprio per questo L’ idea è solo un idea di massima ed ancora in fase di valutazione.

• Sistemazione parco Villa Butti: sono già in opera i lavori di sistemazione della zona antistante la sede del gruppo meno giovani. Il lavoro prevede un recupero totale dell’ area e la riqualificazione della fontana esistente (si allega progetto)

• Rotondina (via per montano Loc. Cavallasca) lavori di rimozione appaltati: come ben visibile nel progetto allegato si verrà ad eliminare la rotondina e si creerà un incrocio sopra elevato con rampe d’accesso per ogni lato, a seguito della rimozione della rotondina verrà messo un segnale di Stop. _IL Sottoscritto_ ha fatto presente e dichiarato che oltre a questa miglioria bisognerebbe provvedere a istallare l’ obbligo di svolta a destra per coloro i quali escono da via Falcone verso via per Montano onde evitare spiacevoli incidenti poiché in quel tratto per la svolta a sinistra la visibilità è molto scarsa (si allega immagine di google maps)

Alessandro Carughi

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

Odio di Palma

La vignetta del giorno

Le palme, tanto di moda in questi ultimi tempi tanto che sono state piantate anche in piazza del duomo a Milano in omaggio alla ormai conclamata islamizzazione della città, sbarcano anche a Cavallasca, ove sono state collocate nel parco della villa Butti.
Il fatto ha stimolato il nostro vignettista il quale, dopo aver letto i commenti vari, ha trovato ispirazione e ci ha inviato questa vignetta, che pubblichiamo.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)