Si è conclusa martedì 16 agosto la sagra di San Rocco  alla sua 43a edizione.
Ogni anno tradizione popolare, sentimento religioso e volontariato, si uniscono e si fondono per dare vita a questa sagra, il cui intento è quello di ricavare proventi che permettono al Gruppo Sportivo Cavallasca di promuovere le attività che si svolgono presso gli impianti sportivi presenti in paese (palestra comunale, campo tennis, campo calcio).
Protagonisti della sagra sono il cibo e la cordialità dei volontari.
Ciò che colpisce e sorprende, perché non  scontato, è il numero delle persone presenti ogni sera, per 16 sere!
E’ curiosa la sinergia che si crea all’interno di un gruppo di lavoro (più o meno 85 persone) composto da generazioni  eterogenee: dagli studenti del liceo ai pensionati, dai 16 ai 70anni!
Questo è il motore grazie al quale l’evento “sagra San Rocco” è reso possibile.
Faticoso  perché richiede molto tempo e fondamentale, è il lavoro di allestimento delle strutture montate per l’occorrenza, la loro messa in sicurezza (tendoni, gazebo, tavoli e cucina)e il successivo smontaggio per riportare tutto allo stato di fatto degli spazi.
Ogni aspetto dell’organizzazione viene seguito meticolosamente dal presidente del Gruppo Sportivo Gerardo Marcello, sempre pronto a raccogliere  critiche per apportare miglioramenti.
Lo spirito del luogo e la preziosa presenza del nostro parroco Don Teresio, creano occasione di preghiera e riflessione.
Ogni anno da 43 anni questa macchina si mette in moto, garantendo una base concreta per lo sport.
Da sportiva quale sono ringrazio tutti coloro che vi partecipano e ci sostengono.

Lucia Borgesi – vicepresidente GS Cavallasca

san rocco 1

Mi Piace(1)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email