Tante domande che cominciano a trovare una risposta

E chi se l’aspettava che gli anziani, cioè gli appartenenti alla fascia di età che a Cavallasca in passato ha appoggiato il sindaco e la sua giunta votandoli quasi indistintamente, ora si sentano traditi da una persona che invece di essere innovativo ha gravato sulle spalle dei cittadini con l’aumento delle tasse e non ha pensato al futuro dei giovani.via sarfatti 1950
Ho raccolto diverse testimonianze di sfiducia e delusione da parte di diverse signore anziane che, tartassate, qualcuna con la pensione minima, già in difficoltà economica a causa della precaria situazione finanziaria nella quale si ritrovano, si sentono tradite e hanno capito che il fallimento della fusione con San Fermo, il buco di bilancio, l’accoglienza dei profughi e il disinteressamento di molti giovani di Cavallasca senza un’occupazione tra questi anche i loro nipoti e figli, sono tutte conseguenze della pessima politica del Comune.

E sotto gli occhi di tutti che i profughi di via Fontanina godano di un trattamento migliore dei giovani residenti anche se i profughi sono, a loro insaputa, fonte di interesse per una persona [il sindaco] che in accordo con il prefetto ha accettato di ospitare nel proprio Comune per salvaguardare la propria posizione, quindi non un’opera di bene ma un accordo voluto da colui che è tutt’altro che buono ma piuttosto un affarista sulla pelle di altre persone.

  • I cittadini hanno pagato le tasse e perchè allora si è creato un buco di oltre novecento mila euro?
  • Perchè il consorzio non ha ricevuto i soldi dell’acqua utilizzata per Cavallasca?
  • Perchè i dipendenti comunali, meglio solo alcuni di essi, hanno ricevuto, pur non meritandolo, l’indennità di carica ai massimi di legge da un ente (il Comune) che era già indebitato?

Tutte domande che anche gli anziani hanno iniziato a porsi.

Un giovane di Cavallasca

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
Print Friendly, PDF & Email