Prosegue la raccolta firme contro lo sbarramento dell’accesso a Villaggio del sole dalla chiesa di Cavallasca

Da alcuni giorni, grazie all’opera di alcuni volontari, è stata messa in opera una grande raccolta di firme porta a porta, fra i residenti delle vie interessate dal cambiamento di viabilità, così come divulgato dall’articolo a firma Paola Mascolo del mese scorso. ( E buon per il quotidiano La Provincia, che esso venga sistematicamente informato prima e meglio della minoranza presente nel Consiglio comunale sanfermino, che viene sempre informata attraverso la penna della brava giornalista, mai da comunicazioni ufficiali, propedeutiche ad un ipotetico quanto sano e democratico dibattito).

Le firme raccolte sin qui sono centinaia, ma ci duole constatare che, fra i residenti della zona interessata, cioè praticamente di tutto il “Villaggio del sole”, c’è chi non ha voluto firmare le osservazioni che verranno presentate al signor sindaco.
Fatto salvo che una percentuale omeopatica di costoro è favorevole al progetto accennato nell’articolo de La Provincia e in questo blog dettagliatamente presentato negli articoli precedenti, ci duole il constatare – dicevamo – che fra i NON firmatari, la motivazione addotta è la paura di contrariare il sindaco, visto evidentemente come persona capace di ritorsioni nei confronti di coloro che democraticamente e civilmente, si dichiarano contrari ad un progetto che, per come è stato presentato a mezzo stampa, assomiglia più ad una colossale baggianata mirante a mitigare le conseguenze, per altro sotto gli occhi di tutti, di precedenti errori urbanistici (vedi scuola elementare, asilo e palestrina con drastica sparizione dei necessari posti auto), che ad un progetto studiato da un professionista.
Ancora una volta, quindi, constatiamo che la mentalità del paese rimane sempre ancorata a stereotipi che non ci appartengono e dai quali ci dissociamo totalmente.
Riteniamo che alla fine, il bislacco progetto verrà messo in essere, nonostante le moltissime firme che infine verranno presentate, per un motivo molto semplice: quel che decide il sindaco deve andare bene a tutti, volenti o nolenti.
Quasi si trattasse di una sfida.

vittorio belluso

Mi Piace(16)Non Mi Piace(2)
Print Friendly, PDF & Email
  1. Mi associo a Margherita Sarfatti.
    Qui mi sa che invece di parlare di fusione dei comuni assistiamo alla fusione dei cervelli.

    Mi Piace(4)Non Mi Piace(5)
  2. Ecco come generare confusione per nulla.

    (A suo tempo l'unica via di uscita dalla fallimentare gestione Ronchetti era solo quella , non si poteva fare altro)

    Il post era relativo alla inutile rivoluzione viabilistica , cosa c'entra la fusione ?

    Mi Piace(6)Non Mi Piace(7)
  3. La Bocca della Verità ha decisamente preso alla larga il tema, anzi l'ha proprio ignorato parlando di tutt'altro.

    Mi Piace(4)Non Mi Piace(6)
  4. Carissimi Vittorio, Batman e Michele, le tasse comunali sarebbero state una spesa irrisoria.
    Se non ci fosse stata la fusione, non ci sarebbe stato il giro dell'oca.
    Una è conseguenza dell'altra.

    Mi Piace(7)Non Mi Piace(6)
  5. C'è chi si rifiuta di firmare la petizione per "... la paura di contrariare il sindaco ..." dicendolo candidamente e c'è chi invece si aggrappa a motivazioni assurde come "La Bocca della Verità" ma in fondo per lo stesso motivo dei primi.
    Anche se potrebbe esserci un fondo di verità In tutti i casi è una penosa constatazione di una mentalità di paese dell'anteguerra.

    Mi Piace(9)Non Mi Piace(5)
    1. mentalità terribile che credevo sorpassata 30anni fa.
      E invece ... combatterla è come remare contro corrente.
      Uno sforzo inutile.

      Mi Piace(10)Non Mi Piace(4)
  6. Condivido al 100% il pensiero de “ La bocca della Verità”.
    Avete votato avvallando la fusione, avete votato avvallando nuovamente il sindaco in carica.

    Come direbbero a Roma “ Mo sono c**i vostri”

    Mi Piace(4)Non Mi Piace(8)
  7. Alla Bocca della Verità
    Forse si è sbagliato ad accettare l'incorporazione da parte di San Fermo..o forse no
    Ma mi può dire, per cortesia, cosa c'entra un fatto con l'altro?
    Si è forse sbagliato una volta e continuiamo a sbagliare?
    Siamo proprio un "povero popolo"...e
    ci meritiamo i politici che abbiamo scelto...
    Un saluto michele

    Mi Piace(6)Non Mi Piace(4)
  8. #BOCCA DELLA VERITA', la fusione è una cosa il progetto in discussione un'altra.
    Il collegamento tra le due cose è improprio.
    C'entrano come i cavoli a merenda !

    Mi Piace(8)Non Mi Piace(5)
  9. Io non ho firmato la petizione, anche se contrario alla variante in oggetto, non per paura in quanto alla mia età non ho paura nemmeno del diavolo, anzi se mi viene fra le palle gli dò una pedata nel culo. Ma per il fatto che i proponenti della raccolta firme hanno votato la fusione, sbagliando, o meglio la incorporazione con San Fermo ( i consensi furono dell'82%) e ora mi chiedono una firma per correggere i loro sbagli. Ma che vadano a quel paese!

    Mi Piace(14)Non Mi Piace(9)
    1. L'alternativa era : tasse al massimo di legge per 10 anni.
      Non so per te, ma per me, avendo una attività, avrebbe significato decine di migliaia di euro in più. (Fra IMU, Tari e Irpef)
      E questo grazie alla precedente amministrazione, alla sua cronica abitudine di nascondere lo sporco sotto il tappeto tirando in là e senza mai avere il coraggio di provare a cambiare qualcosa.

      Mi Piace(4)Non Mi Piace(3)
  10. Sergio, ci vuol poco a capire che chi abita in centro paese, per non fare il giro dell'oca, passerà da via Bignami e di conseguenza andrà ad intasare quella via.

    Mi Piace(9)Non Mi Piace(2)
  11. Quante volte venendo da Pare' o da via Ravona/via per Montano e' salito passando della piazza verso il Villaggio del Sole ?

    Credo milioni ... bene , dopo l'assurda rivoluzione della piazza per fare questo consueto percorso "Ovest/Est" dovra' arrivare in piazza , TORNARE indietro sino alla via Sarfatti , ENTRARE in via Sarfatti per poter risbucare "dietro la piazza" .

    (600 metri per non farne 80!!)

    Ovviamente una persona dopo 3 volte abbandona questo percorso (che definire giro dell'oca e' un complimento) e che alternative ha a questo punto ??

    - la prima : infilarsi in via Volta e cercare di arrivare al Villaggio del Sole con le problematiche ben note (strada stretta , auto ovunque anche in zone di scarso calibro e visibilita')

    - la seconda : infilarsi tramite la via Belvedere "bassa" (con una manovra di svolta a sx in piena curva a tratti "suicida") nella risalita in una strada stretta 3,5 m. - neanche- e con molte curve/tornanti ciechi

    - la terza : procedere diritto sino alla via Bignami e risalire al Villaggio (anche qui la svolta non e' proprio meravigliosa ,a dirla tutta )

    Insomma e' qui che nasce il problema !

    Se sino ad oggi la "bretella" Est/Ovest distribuisce gli accessi per un 60% dalla via Bignami e un 40% dalla piazza di Cavallasca , un domani la questione si sbilancera' portando ad un buon 90% (forse anche piu' ma non voglio gufare ) dalla piu' comoda via Bignami .

    La vera domanda da porsi sono altre :

    MA SI SENTE PROPRIO LA NECESSITA' DI UNA TALE OPERA?

    Mi Piace(11)Non Mi Piace(2)
  12. Io ho abitato in via Sarfatti e capisco le lamentele,
    quello che non riesco a comprendere sono le difficoltà di coloro che abitano al villaggio del sole!
    con amicizia S.T.

    Mi Piace(4)Non Mi Piace(4)
  13. Caro Vittorio,vorrei capire quali sarebbero i disagi che si creeranno per gli abitanti del villaggio del sole in seguito alla modifica alla viabilita' della piazza di Cavallasca,avendo a disposizione la via Volta,la via Belvedere e la via Bignami per salire al villaggio del sole,cosa che faccio ormai da 50 anni.
    Sarebbe poco intelligente andare fino a Cavallasca per poi tornare a S.Fermo attraverso via XX settembre.
    Se qualquno mi può spiegare ringrazio anticipatamente.
    P.S. se fossi a casa non firmerei comunque la petizione.per paura di ritorsioni da parte del Sindaco,come non temo quelle del nostro prestigioso Farmacista per quanto scritto.
    Con amicizia S.T.

    Mi Piace(5)Non Mi Piace(7)
    1. Caro Sergio, tu, appunto, fai parte della percentuale omeopatica che è favorevole, forse perchè quando torni a casa tua proveniente da Como, sei abituato ad imboccare via Bignami, quindi per te non cambierebbe nulla.
      Ma prova a metterti nei panni di chi, invece, per tornare a casa propria, sarà costretto ad allungare la strada, fare un giro dell'oca, compiere una curva stretta improponibile per un mezzo pesante, meno ancora se articolato, oppure ancora, mettiti nei panni di chi abita in via Sarfatti o in via Roncoreggio, a chi non ha la fortuna di possedere un box, ed è costretto a lasciare l'auto davanti a casa. Anche in questo caso saresti favorevole?
      E tutto questo per cosa?
      Per allargare il sagrato della chiesa di un mt e mezzo?

      La piazza non va fatta lì!
      Questo è il punto.
      La piazza di Cavallasca- intesa come luogo di aggregazione - va fatta dove tutti avevamo indicato che andasse fatta: nei pressi di villa Imbonati, davanti alle Poste, o magari al posto del campo sportivo ( che di conseguenza andrebbe ripensato, magari in zona Olcellera).
      Solo che, per fare ciò, ci vuole lungimiranza e coraggio.

      Mi Piace(13)Non Mi Piace(4)

I commenti sono chiusi

Potrebbe piacerti anche