Mascetti vince ancora, ma con tante ombre

Analisi del voto Sanfermino

Dunque, cari lettori, in base ai dati arrivati dal Viminale l’analisi del voto si fa praticamente da sola.
Nonostante l’apparenza, il 77,19% dei voti, non significa aver trionfato, nel momento in cui questa percentuale si basa su coloro che si sono recati alle urne, e cioè solamente il 36,9% degli aventi diritto, la percentuale più bassa di tutta la Lombardia.

E poi, ancora, il 77,19% di voti contro un 22,81% di un antagonista finto, costruito a tavolino per non finire commissariati, una figura che, da sindaco uscente, la legislatura scorsa, non riuscì nemmeno a farsi eleggere come consigliere, … non è un dato di cui vantarsi tanto. Anzi.

Il fatto eclatante è che su 6.800 aventi diritto al voto, solo 2.507 ci sono andati. Ciò significa che 8 cittadini su 10, non hanno votato Mascetti, se calcoliamo sommando i voti raccolti da Falsone e le schede nulle.
Il 10% delle schede sono state annullate. Tantissime. Una percentuale mai vista prima.
In totale, fra schede bianche ed annullate ben 214. Davvero tante, in rapporto a quanti pochi sono andati a votare.
E allora?
Noi crediamo che questo – per il neo sindaco – sia ben più di un campanello di allarme.
Crediamo non ci sia nulla da festeggiare e che, invece, sia d’obbligo un esame di coscienza, per comprendere cosa è andato storto nel paese delle rotatorie colorate, della aiuole fiorite, dei pochi posti auto ma dei cordoli in pietra naturale e delle periferie semplicemente abbandonate a se stesse.
Pensiamo che qualcosa di profondamente sbagliato sia stato fatto in questi 5 anni, se si è giunti ad un risultato così.
Cominciando da un Consiglio comunale insipido, a tratti insignificante, scelto in funzione di riflessi pavloviani, che, insomma, dica sempre di si, qualunque cosa venga messa ai voti.
Ad una giunta che è composta per metà da dipendenti nella vita reale dei signor sindaco.
Ma dove mai si è vista una cosa simile?
Chi in giunta ha il coraggio di opporsi alle “impulsività” del capo? Col rischio di perdere non solo lo stipendio di assessore, ma pure quello che serve per vivere?
La legge consente questa cosa – e va bene – ma l’etica imporrebbe quanto meno un esame di coscienza.
Perchè se è vero che forma è sostanza, a San Fermo esiste, e non da oggi, un problema di forma, e quindi di sostanza.
Il popolo sanfermino, ha dimostrato di essere stanco di decisioni urbanistiche calate sempre dall’alto, senza nessun dibattito, senza pianificazione alcuna. ( A proposito, che fine ha fatto il Piano di Governo del Territorio? Da noi non valgono le leggi che valgono in tutto il resto d’Italia?).
Palestrine annesse all’asilo della parrocchia, vengono deliberate, finanziate e costruite come funghi, stravolgendo un intero quartiere, senza che questa decisione sia mai stata dibattuta in sede pubblica.
Si decide di stravolgere la viabilità di un quartiere, implementando un senso unico più demenziale che difficoltoso a causa di una entrata impossibile per i mezzi pesanti, ( Via Sarfatti a Cavallasca), calando la decisione sempre dall’alto, senza nemmeno ascoltare quanto persone esperte in materia urbanistica avevano costruttivamente da suggerire.
E poi ancora, dossi ovunque. Tanti. Troppi!
Di tutto questo, la gente non ne può più.
Mascetti è avvertito.
La crepa nel consenso ora è evidente e senza improbabili cambi di registro potrà solo allargarsi.

vittorio belluso

 

Mi Piace(23)Non Mi Piace(24)
Print Friendly, PDF & Email
  1. Lei non capisce davvero nulla...
    Io sono una signora e sono orgogliosa di un Sindaco così.
    Con Lei perdo solo il mio tempo.
    Continui pure a scrivere... è l'unica cosa che sa fare
    Anche se sono una signora, Le direi di tirar fuori le palle... ma non credo le abbia...

    Mi Piace(12)Non Mi Piace(5)
  2. Chi è assente ha sempre torto e lei era assente ... fatti non parole ... chi dice solo parole e non si mette in gioco è poco credibile.
    E cosa si aspettava che Mascetti fosse così cretino da farsi da parte per lasciare il posto ad uno come Lei?
    Da grande stratega politico quale è ha capito tutto e adesso è ancora SINDACO per 5 anni. Gli stessi che Lei trascorrerà a rosicare scrivendo.
    Lui non ama scrivere, ama i fatti.
    Intanto a Cavallasca i bimbi hanno l'asilo nuovo e la palestra attaccata alle scuole elementari.
    Mai viste tante opere negli ultimi 20 o forse 30 anni!
    E adesso la nuova Piazza, Villa Imbonati, San Rocco, marciapiedi e strade nuove.
    A me il Sindaco piace così.... FATTI NON PAROLE!
    E lo voterei ancora mille anni.
    Lei probabilmente starebbe meglio a Como dove si fanno le parole e non i fatti.
    Buona rosicata lunga 5 anni.
    Rosichi.... intanto Mascetti lavora e gode!

    Mi Piace(15)Non Mi Piace(8)
    1. grazie signor Pierluigi dei consigli che mi da.
      .... Perchè se è vero che Lei è molto furbo, ... è anche vero che qui nessuno è fesso.

      Como? come ha provato a farmi candidare da Alessandro 5 anni fa pur di togliersi me dai piedi?
      Feci bene a dir di no.
      Amo la mia comunità e il mio lavoro. Il mio posto è qua.

      Mi Piace(2)Non Mi Piace(14)
  3. Se ti ricordi, che io difendevo Landriscina, come del resto anche la Lega ma fratelli d'Italia ha imposto uno sconosciuto Molteni già trombato a Lipomo, del resto anche Forza Italia ha usato parole dure contro Landrisciina, il sindaco uscente tira sempre. E così hanno perso il ballottaggio.
    Dato sbalorditivo il l 27 per cento di San Fermo che se non c'era la seconda lista ora c'era il commissario. Anche
    se il quorum nei piccoli comuni e stato portato al 40 per cento. Ora Mascetti rivendicherà questa mossa.
    Io ero convinto che il quorum l'avrebbero superato.
    Avevi ragione tu.

    Mi Piace(8)Non Mi Piace(14)
    1. Quindi errore tattico di Alessio Butti, secondo la tua analisi.
      Concordo.
      Una prova di forza interna ai partiti che gli elettori hanno percepito.
      Non esiste un cdx unito.
      Esiste un Cdx che finge di esserlo.
      E la gente ha compreso.

      Mi Piace(5)Non Mi Piace(13)
      1. Ma se era gia' stato pronosticato questo risultato, avvisando tramite questo blog gli elettori, se non sono andati a votare ripeto - con la ri-affermazione di Mascetti - forse e' perche' lo stesso mascetti piace e non volevano cambiare...
        Sarebbe stato meglio quindi un commissario nominato dal presidente della regione che poco o nulla conosce della' realta' SANFERMINA/CAVALLASCHINA?

        Mi Piace(20)Non Mi Piace(4)
        1. Sebbene non stimi molto coloro che si nascondono dietro pseudonimi e indirizzi mail inventati, le risponderò lo stesso: certo che sarebbe stato meglio un commissario. Il commissario non fa scempiaggini urbanistiche, non spende i soldi della comunità in maniera insensata, non indebita il futuro della nostra comunità. E poi, dopo il commissario, arrivano le elezioni, e stavolta non credo che saremmo rimasti a casa. Almeno, non io.

          Mi Piace(4)Non Mi Piace(24)

I commenti sono chiusi

Potrebbe piacerti anche