Incubo nuova ondata di furti a San Fermo

Come ben stampato nella memoria di ogni sanfermino ( in particolare di ogni cavallaschino), il Natale del 2018 venne caratterizzato da un’ondata di furti mai visto prima, che coinvolse centinaia e centinaia di abitazioni, con epicentro Cavallasca.
Le autorità locali, inizialmente, sottovalutarono il problema, confidando sulle telecamere di sicurezza che via via si stavano già implementando.
I furti non accennarono a diminuire, anzi, arrivarono a livelli pazzeschi.
Nessun sanfermino poteva più sentirsi sicuro in casa propria.
E fu solo grazie all’intervento dell’allora sottosegretario agli Interni – Nicola Molteni – allertato da un comune cittadino che non ricopriva alcun ruolo istituzionale e che lo conosceva bene, che il problema venne risolto, grazie ad un dispiegamento di Forze dell’ordine mai visto prima, richiamate anche dalle provincie limitrofe, che pattugliarono il nostro Comune 24 h su 24.

E’ di questi giorni, esattamente come allora, che una nuova serie di furti si sta verificando sul nostro territorio, in particolare a Cavallasca alta.
La speranza è che si tratti di casi isolati, quindi niente a che vedere con il recente passato, ma la paura c’è.
In via Colleoni e Belvedere, a Cavallasca, delle dimore sono state prese di mira.
In tutti i casi si è trattato di scasso.

Di sicuro, per quanto riguarda il nostro Comune, va sottolineato – come già abbiamo fatto in passato – che 90 telecamere con 18 archi di accesso sorvegliati non servono a scoraggiare i ladri, se sul territorio non vi è una presenza fisica e costante delle Forze dell’ordine, quale per prima dovrebbe essere la Polizia Locale, che invece risulta essere latitante, barricata negli uffici davanti ai monitor, con l’ordine di emettere sanzioni a chi parcheggia in divieto di sosta, circola con la revisione scaduta, o varca un accesso di una ZTL in orario non consentito.

Mi Piace(14)Non Mi Piace(2)
Print Friendly, PDF & Email
  1. Secondo me i ladri sono piu' preoccupati dai dossi che dalle telecamere che ha messo

    Mi Piace(4)Non Mi Piace(3)
  2. Piegarsi al volere del Mascetti pensiero equivale a esserne complici. La polizia locale con 3 agenti di cui un dirigente ed uno impiegato per lo
    Scuolabus non ha senso di chiamarsi polizia locale.
    Mascetti se ci sei batti un colpo, servono almeno 2 nuovi agenti!!!!!! URGE UN CONCORSO. L’aggregazione con Como non è più L alternativa.

    Mi Piace(6)Non Mi Piace(2)
  3. Testuali parole trovate oggi sul quotidiano La Provincia: "San Fermo è il paese più sorvegliato della provincia, ci sono 95 telecamere e 18 varchi coperti in modo che nessuno transiti con auto rubate, segnalate, non assicurate o con la revisione scaduta, ma le telecamere non è detto riescano a registrare le incursioni dei ladri nelle abitazioni. Ma ci sono. " ... probabilmente senza volerlo, i giornalisti del quotidiano locale certificano il fallimento di un progetto costato centinaia di migliaia di euro, spesi NON per la sicurezza dei cittadini in senso letterale, ma per assicurare all'erario comunale maggiori entrate. La sicurezza, in realtà, a San Fermo, è diminuita con la pressoché totale scomparsa della Polizia Locale dai pattugliamenti delle strade.

    Mi Piace(12)Non Mi Piace(3)
  4. P.S.
    Il comune cittadino che ha all'ertato il Sottosegratario Nicola Molteni non è altro che il Dott. Vittorio Belluso.
    Lo posso assicurare con certezza in quanto ero presente a quel colloquio.

    Mi Piace(6)Non Mi Piace(5)

I commenti sono chiusi

Potrebbe piacerti anche